Venerdì 5 Marzo 2021
Ti trovi nella Sezione:
NON TUTTI SANNO CHE...

  Accidia
  Accolito
  Agàpe
  Agorà
  Alleanza
  Ambone
  Amen
  Amitto
  Anatema
  Anello Piscatorio o del Pescatore
  Angoscia
  Animetta
  Anna
  Anziani del Popolo
  Apocalisse
  Apocrifo
  Apostasia
  Bestemmia
  Blasfemo
  Breviario
  Caifa
  Camice
  Carità
  Cero Pasquale
  Cingolo
  Classe Sacerdotale
  Concilio
  Consacrazione
  Corpo Mistico
  Cupidigia
  Diritto Canonico
  Edonismo
  Escatologia
  Farisei
  Fico
  Filocalia
  Forma Ipostatica
  Fornicazione
  Gamaliele
  Gentili
  Gerarchia della Santa Chiesa - Cattolica Apostolica Romana
  Giuseppe d'Arimatea
  Immistione
  Implosione
  Inabitazione
  Invidia
  Involuzione
  Issopo
  Lectio Divina
  Liturgia
  Liturgia delle Ore
  Lussuria
  Malco
  Manipolo
  Manna
  Maranà tha
  Martire
  Metropolita
Mirra
  Mitria
  Moab
  Moab (Valle di)
  Non Serviam
  Offertorio
  Omelia
  Omossessualità
  Ostia
  Parascève
  Parusia
  Pisside
  Preghiera
  Quaresima
  Ruah
  Sadducei
  Sala delle riunioni
  Scheol
  Scribi
  Seguenza
  Sgabello
  Shoah
  Sichem
  Sincretismo
  Sinedrio
  Speranza
  Spirito Santo
  Temperanza
  Tradizione
  Transustanziazione
  Ufficio Divino
  Usura
  Vangelo
  Vaso di Pandora
  Velo omerale
  Viatico
Non tutti sanno che Mirra

Mirra: La parola Mirra (Commiphora myrrha) deriva sia dal Latino che dal Greco e significa “amaro”.

Esistono molte sue specie, diffuse principalmente in India, nel Senegal, nel Madagascar, in Egitto, in Somalia, in Sudan, in Etiopia, sulle rive del Mar Rosso, nella Penisola arabica.

La Mirra viene utilizzata nei seguenti settori:
     · Farmaceutica: proprietà disinfettante, antisettico, sistema immunitario – tintura per curare ulcerazioni e afte della bocca - olio essenziale per problemi fisici – per l’apparato digerente – ottimo disinfettante intestinale – per le vie respiratorie, muco, tosse, raffreddore – disinfettante dell’intestino – favorisce la digestione – combatte l’arteriosclerosi…
     · Industria Alimentare: conservante per cibi deperibili
     · Profumeria: estratti.

È un arbusto sul cui tronco, a fine estate, si possono notare molti noduli, da cui scaturiscono gocce o secrezioni resinose, che vengono raccolte e poi fatte essiccare.
La Mirra e l’Incenso hanno una storia religiosa che li accomuna.
Cosa significa Mirra lo si è già detto, mentre per l’Incenso, parola derivante dal Latino vuol dire “ciò che è brucato”.

Nell’antichità, come attesta la Bibbia - Esodo 30,23 - la polvere di Mirra, con il suo profumo, veniva aggiunta all’Olio Santo per le Unzioni e le Imbalsamazioni.

Sempre nella Bibbia, nel Vangelo di Giovanni 19,39, Nicodemo portò una “mistura di mirra e aloe” per imbalsamare il Corpo di Gesù; e ancora, nel Vangelo di Matteo 2,11, si evidenziano sia la Mirra che l’Incenso, insieme all’oro, offerti a Gesù Bambino, dai Re Magi, i quali simboleggiavano con l’Oro… la Carità – con l’Incenso… la Preghiera – con la Mirra… la Penitenza.

Sia il Mondo Occidentale Cristiano che quello Orientale aggiungono:
l’Oro… rappresentava l’Essenza o la Natura Divina di Gesù Cristo in qualità di Re dell’Universo;
l’Incenso… veniva attribuito a Dio e a Gesù Cristo, in qualità di Sacerdote;
la Mirra… prefigurava la Passione e la Morte di Gesù Cristo e preannunciava il Sepolcro.