Mercoledì 26 Giugno 2019
Ordina risultati
per
Ti trovi nella Sezione:
ARTICOLI

Religiosi
  Società - Morale
  Vari
Articoli Religiosi L'Acqua Santa... contro la potenza di Satana nel Mondo - Don Alfredo Maria WEIGL

L’ACQUA SANTA...


... contro la potenza di Satana nel Mondo

 

Secondo quello che dice la Santa Scrittura, non si può mettere in dubbio che, anche dopo la Redenzione di nostro Signore Gesù Cristo e la sua Vittoria sul peccato, Dio abbia lasciato un certo potere, sia pur limitato, a Satana.
Noi non lo mettiamo in dubbio, però il motivo per cui Dio ha dato a Satana un tale potere sugli Uomini, è un Segreto Divino che fa parte del modo con cui Egli vuole reggere il Mondo.
Il velo di questo mistero non lo si può conoscere su questa Terra.
Inoltre, i frutti della Morte di Cristo in Croce non possono essere utilizzati senza lo sforzo da parte dell’Uomo redento.

L’Uomo deve lottare, perciò, a combattere, per raggiungere il Paradiso, con una forza opposta a Dio, in quanto non solo a causa della sua natura soggetta al Peccato Originale, ma anche a causa della lotta continua contro gli Spiriti maligni.

San Paolo dice:
“La nostra battaglia, infatti, non è contro Creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i Dominatori di questo Mondo di tenebra, contro gli Spiriti del male che abitano nelle Regioni Celesti.
Prendete, perciò, l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi, dopo aver superato tutte le prove” (Efesini 6,12-13).

L’Acqua Santa è un mezzo straordinariamente efficace contro Satana.
Si può, quindi, scacciarlo.

L’Apostolo Giacomo dice:

“Sottomettevi dunque a Dio; resistete al diavolo, ed egli fuggirà via da voi. Avvicinatevi a Dio ed Egli si avvicinerà a voi. Purificate le vostre mani, o peccatori, e santificate i vostri cuori, o irresoluti” (Gc. 4,7-8).

Il Demonio ha paura dell’Acqua Santa e la teme più di ogni altra cosa.
Quindi, noi dovremmo usarla con grande fiducia e grande perseveranza contro di lui.

Nei momenti di tentazione, prendiamo, ogni tanto, l’Acqua Santa, e facciamo un segno di croce sopra di noi, invocando il Nome della nostra Madre Maria, con fiducia.

L’Acqua Santa ci darà una straordinaria protezione in ogni pericolo per l’Anima.

Proprio i Santi, che furono tentati più degli altri, facevano molto uso di Acqua Santa, e ne sperimentavano la sua gran forza di protezione.


L’ACQUA SANTA: un elemento di benedizione

L’Acqua Santa, questo elemento essenziale per l’Uomo, diventa un elemento di benedizione ed acquista forza per i Cristiani.
L’acqua, che ci è data in abbondanza nella natura, viene tolta all’influenza degli Spiriti maligni e diventa una sorgente di benedizione, di protezione e di aiuto.
Cerchiamo di non dimenticare mai che, quando si usa con Fede l’Acqua Benedetta, si arriva al pentimento dei nostri peccati e si ottiene la forza di staccarsi dal Maligno.
L’uso continuato dell’Acqua Santa, come mezzo di santificazione, ci aiuta a vincere la tiepidezza della Fede, la mancanza di quella fiducia che dobbiamo al Signore, e la nostra miseria spirituale.

Don Alfonso Maria WEIGL


Nota aggiuntiva

Segnarsi con un segno di croce, ogni mattina, appena alzati, con l’Acqua Benedetta e facendolo fare, possibilmente, anche ai componenti della propria famiglia… spargerla nelle stanze della propria abitazione… in auto… nel proprio ufficio e in altri luoghi… è cosa veramente buona e giusta, per tenere lontane le Forze degli Spiriti del male, che vagano sempre attorno a noi per indurci alle tante tentazioni, con lo scopo di offendere sia noi stessi, il nostro prossimo e soprattutto Dio.

Sappiatelo e convincetevene: non è un “rito magico”, come qualcuno possa pensare o farvi credere, bensì un gesto che ci rinforzerà sicuramente nello Spirito, nel corpo e ci farà sentire, in modo speciale, vicini alla Grazia e alla protezione del Signore nostro.

Pensate per un attimo al Battesimo di Gesù, nel fiume Giordano, da parte di San Giovanni Battista e riflettete su questo “gesto” che Dio ha voluto e ha permesso che avvenisse…
E si sentì una voce dal cielo:
“Tu sei il Figlio mio prediletto, in Te mi sono compiaciuto” (Mc. 1,9-11).

Nella storia e nella veridicità della Bibbia, l’acqua ha sempre avuto un ruolo importante:

     · un mezzo di Purificazione… nel Battesimo di Gesù nel fiume Giordano;
     · un Miracolo e un Dono, il primo di Gesù… nelle Nozze di Cana (Gv. 2,1);
     · un atto di Carità… nel gesto della Samaritana (Gv. 4,1);
     · un atto di Fede… nella guarigione di un infermo alla piscina di Betzaetà (Gv. 5,1);
     · una Promessa… dell’acqua viva, ovvero dello Spirito Santo che avrebbero ricevuto i Credenti (Gv. 7,37);
     · un atto di sicurezza, di tranquillità… nella tempesta sedata (Lc. 8,22);
     · un atto di Umiltà… nella lavanda dei piedi agli Apostoli (Gv. 13,1);
     · un atto di Redenzione… nell’acqua scaturita dal costato di Gesù, dopo il colpo di lancia di Longino (Gv. 19,31-34).

Tramite l’Uomo, Satana usa “mezzi materiali” nei “riti satanici” e nei malefici.
Il Signore, tramite le sue Creature, invece, si contrappone a tutto ciò, oltre che con la Preghiera e i Sacramenti, anche con l’acqua, l’olio e il sale benedetti.

Piero Fiore