Domenica 26 Maggio 2019
Ordina risultati
per
Ti trovi nella Sezione:
EDITORIALE

Vari
Editoriale Vari

EDITORIALE

 

Ci apprestiamo, dopo un lungo periodo di silenzio, a far conoscere il nostro “sito”

www.gesumisericordioso.com

a tutti coloro che “navigano o navigheranno” su Internet.

Il nostro intento, con l’augurio di esprimerlo nel migliore dei modi e con doverosa umiltà, è quello di portare nelle case un messaggio di fiducia, in questo mondo ormai allo “sbando”, e di far comprendere a tutti:

  • La parola di Dio Padre, tramite i Profeti, che Lui stesso ha chiamato, in tempi, modi e luoghi di Sua scelta, come il Vecchio Testamento afferma e conferma;
    “Davvero stolti per natura tutti gli uomini che vivevano nell’ignoranza di Dio, e dai beni visibili non riconobbero colui che è, non riconobbero l’artefice, pur considerandone le opere” (Sapienza 13,1).
  • La parola del Figlio Unigenito, Gesù Cristo, nostro Signore, tramite la Sua evangelizzazione e quella di tutti i Suoi Apostoli, anche dopo la Sua Crocifissione e Morte di Croce, per la salvezza del Genere Umano;
    “Ecco il mio servo che io ho scelto; il mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Porrò il mio spirito sopra di lui e annunzierà la giustizia alle genti” (Mt. 12,18).
  • La potenza dello Spirito Santo, che conferma ciò che le “Due Persone” hanno detto e fatto nell’arco dei tempi ed essendo parte integrante della Santissima Trinità, il Suo compito è quello di continuare ciò che è stato iniziato, ma non terminato, ovvero: il Mistero della Creazione.
    “… Ma il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, egli vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto” (Gv. 14,26).
  • La Madre di Dio, la Santa Vergine Maria, Mediatrice di tutte le Grazie presso Gesù Cristo, Suo Figlio, che è l’Unico Mediatore tra noi e il Padre Celeste.
    Corredentrice, in quanto è stata fatta partecipe, con Gesù, per la salvezza degli uomini e, quindi, Corredentrice del Genere Umano.
    “Da questa comunione di dolori e di volontà tra Cristo e Maria, meritò Ella di divenire degnissimamente la Riparatrice del mondo perduto, e quindi la Dispensatrice di tutti i doni che Gesù ci procurò con la morte e con il sangue” (San Pio X – “Ad diem illum” – 02-02-1904).
  • I Santi e le Sante, i Beati e le Beate, i Martiri e le Martiri, i Mistici e le Mistiche, che hanno lasciato in eredità a noi testimonianza della loro fede nella Chiesa di Cristo, con parole, opere e con la coerenza stessa della loro vita e vocazione.
    Guardami, o Signore, e fa che io possa essere la tua Ostia viva, nella quale Tu possa, in certo modo, compiere la Tua Passione”.
    “…Ti offro il mio amore, come un torrente, da quando il mio cuore ebbe la vita fino a quando si spegnerà” (Beata Candida Maria dell’Eucaristia).
    “Non cercate Gesù in terre lontane: Lui non è là. È vicino a voi. È con voi. Basta che teniate il lume acceso e Lo vedrete sempre. Continuate a riempire il lume con piccole gocce d’amore e vedrete quanto è dolce il Dio che amate” (Santa Teresa di Calcutta).
    “L’uomo, creato per amore, non può vivere senza amore: o ama Dio, oppure ama sé stesso e ama il mondo” (Curato D’Ars).
    “Dio è Amore, sempre, anche quando si presenta come Padre che minaccia per richiamare, per indirizzare alla salvezza” (Beata Alexandrina Maria Da Costa).

    … ed altre e numerosissime testimonianze.


  • La Catechesi che tanto piace al Signore, affinché porti frutto e operai alla Sua Messe.
  • Le apparizioni Mariane riconosciute dalla Chiesa di Roma, come pure i relativi “messaggi” indirizzati a beneficio dell’intera Umanità.
  • Le Lettere di San Paolo, che sono una grande “scuola” e un incalcolabile “insegnamento” per i tempi che stiamo vivendo e che ci preparano a quelli ormai prossimi e che saranno molto difficili. E di questi tempi San Paolo ci invita a scorgerne i segni.
    E ce lo rammenta nella Lettera ai Corinzi 15,20-26: “Fratelli, Cristo è risuscitato dai morti, primizia di coloro che sono morti. Poiché se a causa di un uomo venne la morte, a causa di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti; e come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo. Ciascuno, però, nel suo ordine: prima Cristo, che è la primizia; poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo, poi sarà la fine, quando Egli consegnerà il Regno a Dio Padre, dopo aver ridotto al nulla ogni Principato e ogni Podestà e Potenza. Bisogna, infatti, che Egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L’ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte”.

  • E dopo San Paolo, abbiamo un’ulteriore bussola: l’Apocalisse di San Giovanni Evangelista, la quale ci apre i futuri orizzonti.
  • La Somma Teologica di San Tommaso D’Aquino, grande Dottore della Chiesa, oggi non più considerato tale nei Seminari, a preparazione dei futuri Sacerdoti.
  • I numerosi Dottori della Chiesa, “pilastri” e testimoni della Verità e della Scuola di Dio.
  • La Santa Faustina Kowalska, la più autorevole portavoce della “Divina Misericordia di Dio”, da cui è scaturita anche la nostra Rivista Cattolica di Informazioni e di Catechesi

Gesù, Sorgente dell’Amore Misericordioso

E, poiché stiamo vivendo un’epoca in cui impera:

· confusione d’ogni genere,
· apostasia,
· mal costume,
· depravazione, corruzione politica e sociale,
· sesso sfrenato,
· perversione d’ogni tipo,
· ideali e valori che sanno di “pattumiera”,
· sfida della genetica scientifica alla Creazione di Dio,
· aborto e, al tempo stesso e paradossalmente, manipolazione genetica,
· poteri occulti, industriali multi-nazionali
· Istituzioni d’ogni genere che predominano sulla dignità umana,
· sfruttamento dei più poveri e dell’infanzia,
· eccetera… eccetera…

cercheremo di approfondire, con il supporto dello Spirito Santo, tutte le tematiche che la vita di ogni giorno ci propina e nell’obbedienza alla Santa Chiesa Cattolica, Apostolica Romana.

Cari Lettori, i tempi che stiamo attraversando sono davanti ai nostri “occhi” e alla nostra coscienza: non hanno bisogno di ulteriori commenti.
L’Umanità è in una situazione di “stallo”: non ha più la volontà di reagire a tutte le ingiustizie che vengono consumate a scapito della dignità umana; rimane indifferente a tutto; Dio è, ormai, un emerito sconosciuto; l’uomo rinnova sempre più la sua superbia a fare di testa sua e per proprio conto tutto ciò che lo soddisfa materialmente, ignorando la vera forza della Fede, della Speranza e anche della Carità.

Siete Tutti invitati a collaborare con la Redazione, a suggerire ciò che è edificante, anche perché il nostro “Sito” dovrà crescere, arricchirsi, migliorare sempre più.

Porgiamo un affettuoso benvenuto a tutti e chiediamo la Benedizione Celeste per questo cammino impegnativo e forte.

La Redazione