Domenica 28 Novembre 2021
Ti trovi nella Sezione:
NON TUTTI SANNO CHE...

  Accidia
  Accolito
  Agàpe
  Agorà
  Alleanza
  Ambone
  Amen
  Amitto
  Anatema
  Anello Piscatorio o del Pescatore
  Angoscia
  Animetta
  Anna
  Anziani del Popolo
  Apocalisse
  Apocrifo
  Apostasia
  Bestemmia
  Blasfemo
  Breviario
  Caifa
  Camice
  Carità
  Cero Pasquale
  Cingolo
  Classe Sacerdotale
  Concilio
  Consacrazione
  Corpo Mistico
  Cupidigia
  Diritto Canonico
  Edonismo
  Escatologia
  Farisei
  Fico
  Filocalia
  Forma Ipostatica
  Fornicazione
  Gamaliele
Gentili
  Gerarchia della Santa Chiesa - Cattolica Apostolica Romana
  Giuseppe d'Arimatea
  Immistione
  Implosione
  Inabitazione
  Invidia
  Involuzione
  Issopo
  Lectio Divina
  Liturgia
  Liturgia delle Ore
  Lussuria
  Malco
  Manipolo
  Manna
  Maranà tha
  Martire
  Metropolita
  Mirra
  Mitria
  Moab
  Moab (Valle di)
  Non Serviam
  Offertorio
  Omelia
  Omossessualità
  Ostia
  Parascève
  Parusia
  Pisside
  Preghiera
  Quaresima
  Ruah
  Sadducei
  Sala delle riunioni
  Scheol
  Scribi
  Seguenza
  Sgabello
  Shoah
  Sichem
  Sincretismo
  Sinedrio
  Speranza
  Spirito Santo
  Temperanza
  Tradizione
  Transustanziazione
  Ufficio Divino
  Usura
  Vangelo
  Vaso di Pandora
  Velo omerale
  Viatico
Non tutti sanno che Gentili

Gentili: Mentre nella Vulgata, che è una traduzione, in Latino, della Bibbia in versione Greca-Ebraica, questa parola viene tradotta con “Gentes” – “Nazioni” e il termine “Gentilis” è “inerente alle Nazioni”, nell’Antico Testamento i “Gentili” vengono tradotti solitamente in “Pagani o Nazioni” e stanno ad indicare tutti coloro che non fanno parte del Popolo Eletto di Israele.

Ricapitolando, questa espressione di “Gentili” ha origini ebraiche con cui s’indicava tutti coloro che non erano Ebrei, Israeliti o Cristiani, ovvero: che non erano né un Popolo, né un vero Gruppo Etnico o una Stirpe autentica come lo era il Popolo Ebraico, che si riteneva il Popolo Eletto, mentre per loro i “Gentili” erano unicamente dei Popoli, degli Stranieri, dei Pagani, in quanto questi non credevano e non rendevano il Culto a Yahweh (Dio), come facevano invece i Giudei.

Quindi, la questione o la differenziazione di “Popolo Ebraico” con i “Popoli Gentili”, i senza Dio, era basata più sul piano dello Spirito, anziché della Razza.
Quando, però, subentrò il periodo storico-culturale della Grecia e dell’Impero Romano, la religiosità venne meno e la distinzione tra “Popolo” e “Popoli” divenne un contenuto razzista esasperante, che portò il “Popolo Giudaico” e gli altri “Popoli” ad odiarsi e a disprezzarsi a vicenda.
Di ciò troviamo conferma, nel Nuovo Testamento, in seguito al comportamento dei Farisei e, in aggiunta, degli Scrittori Romani all’inizio del Cristianesimo.

Il “Popolo Ebraico” si riteneva, a tutti gli effetti, protetto, al sicuro dai castighi divini e nelle Grazie di Dio per il semplice fatto che possedevano il Tempio di Dio, che discendevano da Abramo e di avere l’unico e vero Culto Divino reale sulla “faccia della Terra”.

Tutto ciò era una presunzione ed una pretestuosa convinzione che li distingueva da altri “Popoli”, come pure nei confronti dei “Gentili”.
Ma, con l’avvento della distruzione della città di Gerusalemme e del suo Tempio, dell’Esilio in Babilonia, il Popolo Ebraico ben comprese che da contraddizioni storiche e da certe catastrofi non si è immuni.

Con l’avvento dei Profeti vi fu un rinnovamento della Cultura Ebraica e di una Religiosità aperta ai “Gentili”, in quanto anch’Essi figli di Dio e beneficiari della sua Provvidenza, perché Egli è Dio di tutte le Nazioni.
Infatti, nel Libro di Giona, dove si parla di Ninive e dove “Dio si spiega”, Dio stesso afferma e conferma di amare anche i “Gentili”, ovvero i “Popoli senza Dio - i Pagani”, i quali appaiono più propensi e pronti di Israele alla conversione, e in Isaia 40,25 – 41,8-10 – 42,10-12 – 49,6 – 51,4-5, soprattutto al Capitolo 52 e versetto 10, Dio riconferma nuovamente la “sua salvezza… sino ai confini della Terra”, poiché Lui solo è il Re dell’Universo e Sovrano Supremo.

E per terminare, non dimentichiamoci che San Paolo di Tarso è stato “l'Apostolo dei Gentili”, tra i Pagani Greci e Romani, di una certa rilevanza, come confermerebbe la sua Missione Evangelica a favore di Gesù nel Nuovo Testamento.