Lunedì 6 Dicembre 2021
Ti trovi nella Sezione:
NON TUTTI SANNO CHE...

  Accidia
  Accolito
  Agāpe
  Agorā
  Alleanza
  Ambone
  Amen
  Amitto
  Anatema
  Anello Piscatorio o del Pescatore
  Angoscia
  Animetta
  Anna
  Anziani del Popolo
  Apocalisse
  Apocrifo
  Apostasia
  Bestemmia
  Blasfemo
  Breviario
  Caifa
  Camice
  Caritā
  Cero Pasquale
  Cingolo
  Classe Sacerdotale
  Concilio
  Consacrazione
  Corpo Mistico
  Cupidigia
  Diritto Canonico
  Edonismo
  Escatologia
  Farisei
Fico
  Filocalia
  Forma Ipostatica
  Fornicazione
  Gamaliele
  Gentili
  Gerarchia della Santa Chiesa - Cattolica Apostolica Romana
  Giuseppe d'Arimatea
  Immistione
  Implosione
  Inabitazione
  Invidia
  Involuzione
  Issopo
  Lectio Divina
  Liturgia
  Liturgia delle Ore
  Lussuria
  Malco
  Manipolo
  Manna
  Maranā tha
  Martire
  Metropolita
  Mirra
  Mitria
  Moab
  Moab (Valle di)
  Non Serviam
  Offertorio
  Omelia
  Omossessualitā
  Ostia
  Parascčve
  Parusia
  Pisside
  Preghiera
  Quaresima
  Ruah
  Sadducei
  Sala delle riunioni
  Scheol
  Scribi
  Seguenza
  Sgabello
  Shoah
  Sichem
  Sincretismo
  Sinedrio
  Speranza
  Spirito Santo
  Temperanza
  Tradizione
  Transustanziazione
  Ufficio Divino
  Usura
  Vangelo
  Vaso di Pandora
  Velo omerale
  Viatico
Non tutti sanno che Fico

Fico: È una pianta molto comune in Palestina e in tutti i paesi del Mediterraneo, non ha bisogno di tante cure e produce frutti molto dolci.
Era noto già dai tempi biblici.
Infatti, nella Bibbia, inizialmente, lo troviamo documentato nella tragedia del primo peccato dell’Umanità, cioè il “Peccato Originale”, ad opera di Adamo ed Eva: “Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture” (Gn. 3,7).
In seguito, se ne parla, per l’ultima volta, nell’Apocalisse di Giovanni:
“Le stelle del cielo si abbatterono sopra la terra, come quando un fico, sbattuto dalla bufera, lascia cadere i fichi immaturi” (Ap. 6,13).
Il fico fiorisce molto presto: annuncia la Primavera dando il suo primo frutto, chiamato “fiorone”, in cui gli Israeliti identificavano Dio come una “prospettiva” di prosperità e una “promessa” con l'avvento della seconda fioritura (Vedi Mc. 13,28).
Le sue foglie di color verde scuro producevano un’ombra molto gradita: ne parlano sia i Profeti che i Libri Storici.
La distruzione delle piante di fico o lo scuotere violentemente le stesse sono un’espressione simbolica del castigo e della maledizione di Dio.
Nel Nuovo Testamento, c'è un abbinamento significato ed eloquente con la pianta della vite (vedi Lc. 13,6 § Ct. 2,13 § Gl. 1,7-12 § Zc. 3,10 § Gc. 3,12).
Questo perché hanno un significato parallelo: entrambi i frutti sono simboli di prosperità, di rapporto di alleanza tra Dio e l’uomo; un fico che non produce va tagliato e bruciato, la vite, per produrre frutto, va potata e i relativi rami secchi vengono anch’essi bruciati.
Fico e vite simboleggiano il Popolo di Dio: c’è chi dà frutto e chi no, chi ha Fede e chi soffre di sterilità spirituale.
Gli Ebrei, nel deserto, come certi Cristiani di oggi, vengono da Dio paragonati al frutto primaticcio del fico, il cosiddetto “fiorone”, in conseguenza della loro fragile Fede; il frutto del fico che matura in seconda fioritura, che è più buono, simboleggia quel risultato acquisito dal Credente che ha fatto un cammino di vero apostolato in Cristo, per Cristo e con Cristo.
La Conversione di Natanaèle, avvenuta prima, viene suggellata dalla Fede, poi, la quale scaturisce quando Gesù gli manifesta la visione in cui afferma di averlo visto, prima che si incontrassero, sotto una pianta di fico.
Tutto ciò è Gesù che lo dice e ce lo fa capire, nel Nuovo Testamento.