Martedì 2 Marzo 2021
Ti trovi nella Sezione:
NON TUTTI SANNO CHE...

  Accidia
  Accolito
  Agàpe
  Agorà
  Alleanza
  Ambone
  Amen
  Amitto
  Anatema
  Anello Piscatorio o del Pescatore
  Angoscia
  Animetta
  Anna
  Anziani del Popolo
  Apocalisse
  Apocrifo
  Apostasia
  Bestemmia
  Blasfemo
  Breviario
  Caifa
  Camice
  Carità
  Cero Pasquale
  Cingolo
  Classe Sacerdotale
  Concilio
  Consacrazione
  Corpo Mistico
  Cupidigia
  Diritto Canonico
  Edonismo
  Escatologia
  Farisei
  Fico
  Filocalia
  Forma Ipostatica
  Fornicazione
  Gamaliele
  Gentili
  Gerarchia della Santa Chiesa - Cattolica Apostolica Romana
  Giuseppe d'Arimatea
  Immistione
  Implosione
  Inabitazione
  Invidia
  Involuzione
  Issopo
Lectio Divina
  Liturgia
  Liturgia delle Ore
  Lussuria
  Malco
  Manipolo
  Manna
  Maranà tha
  Martire
  Metropolita
  Mirra
  Mitria
  Moab
  Moab (Valle di)
  Non Serviam
  Offertorio
  Omelia
  Omossessualità
  Ostia
  Parascève
  Parusia
  Pisside
  Preghiera
  Quaresima
  Ruah
  Sadducei
  Sala delle riunioni
  Scheol
  Scribi
  Seguenza
  Sgabello
  Shoah
  Sichem
  Sincretismo
  Sinedrio
  Speranza
  Spirito Santo
  Temperanza
  Tradizione
  Transustanziazione
  Ufficio Divino
  Usura
  Vangelo
  Vaso di Pandora
  Velo omerale
  Viatico
Non tutti sanno che Lectio Divina

Documento senza titolo

Lectio Divina: Ovvero, “Lettura Divina” in Italiano, usata nella Liturgia Cattolica, è una maniera o un metodo per riflettere, capire, meditare e pregare la Sacra Bibbia.

Facendo tutto ciò, noi restiamo all'Ascolto di Dio, di quello che vuole dirci e l'invito di mettere in pratica la sua Parola:
“Se uno Mi ama, osserverà la mia Parola” (Gv. 14,23 e Cfr. Gv. 14, 15-21).

È un'Arte anche questa che, a parole, mostra tutta la sua accessibilità, ma che al lato pratico comporta, invece, difficoltà che sorgono a causa della pratica umana.
Ed è proprio in questa complicata situazione che lo Spirito d'Intelletto interviene, agisce e rende la Creatura più vicina a Dio, alla sua Volontà, ai suoi Disegni, sempre se vi è piena disponibilità del Cristiano stesso.
È ciò che il Signore desidera da tutti noi Cristiani: il colloquio con Lui e la meditazione del suo Pensiero, esclusivamente per il nostro ed altrui Bene.

La sua origine, se così la si vuol definire, è avvenuta già quando Gesù, dopo la sua Risurrezione al Cielo, incontrando due Discepoli sulla via che porta ad Emmaus, impartì la sua prima “Lezione Divina”, spiegando loro Profezie su sé Stesso e ciò che l'Antico Testamento conteneva.

Quindi, i primi Cristiani trassero da questo stato di fatto un insegnamento che, ancora oggi, è attuale e valido e che i Padri del Deserto, i Padri della Chiesa, i Santi Vescovi adottarono, nei primi Secoli, fondando un metodo, basato sulla Dottrina dei quattro sensi biblici:


Lezione o Lettura - Meditazione
   Orazione o Preghiera - Contemplazione

1. La Lettura attenta della Sacra Scrittura, ovvero la “LECTIO”.

2. La Meditazione di ciò che si è letto, ovvero la “MEDITATIO”.

3. L'Invocazione a Dio per ottenere ciò che la Meditazione ha permesso di conoscere, ovvero la “ORATIO”.

4. L'Intimità con Dio nella Preghiere, ovvero la “CONTEMPLATIO”.

Quest'Opera, che comprende i quattro “sensi”, ebbe inizio nel Secolo Dodicesimo, all'incirca nel 1180, per merito del Monaco Certosino Guigo II, Francese, e che a tutt'oggi è ancora attuale, quale metodo della “Lettura delle Sacre Scritture”.